“In questa casa un antifascista” Il “marchio” sulle porte a Pavia

Un marchio sulla porta di casa con la scritta “qui ci abita un antifascista”. Da qualche giorno a Pavia sono spuntati questi simboli su alcune abitazioni.

E così qualcuno ha sporto denuncia. Nel mirino finiscono subito Casa Pound e Forza Nuova: “Sciogliere subito CasaPound e Forza Nuova”, scrive Alessandro Caiani, dopo aver diffuso la foto che lo riguarda. Poi aggiunge, sempre sui social: “Qualche valoroso neofascista si è preso la briga di scoprire dove abito, aspettare che non fossimo in casa e lasciarmi questo messaggio intimidatorio. È successo almeno anche a un altro antifascista. Facciamo girare”.

E ancora: “Ecco cosa succede quando si lasciano i neofascisti liberi di aprire sedi, fare manifestazioni e presentarsi alle elezioni, lasciando impunite le loro aggressioni squadriste”. Infine anche Luca Casarotti segnala la presenza degli adesivi in città: “Un componente del comitato della mia sezione ANPI ha trovato sulla porta di casa l’adesivo. Lo stesso altri compagni, membri di organizzazioni o attivisti per proprio conto”. Adesso è caccia a chi ha attaccato questi adesivi. Un altro capitolo di una campagna elettorale aspra che spesso si è trasformata in scontro fisico.

Precedente Ecco come si vota il 4 marzo Successivo Le bugie della sinistra sulla tassa piatta